In maggio si sono svolte due udienze per la causa dei ricorrenti e, nonostante il ricorrente principale abbia espresso la volontà di ritirarsi, per motivi che non stiamo a precisare, il giudice potrebbe comunque emettere la sentenza tra circa sessanta giorni, a prescindere dalla possibilità di conciliare.
L'Università Agraria ha pubblicato le risposte alle 1200 opposizioni sul suo sito e stiamo preparando la nostra risposta all'Ente per mettere in evidenza la inadeguatezza delle risposte che ha pubblicato. Vedremo cosa farà l'Agraria dopo che il sindaco gli ha inviato nuovamente le perizie nostre,del comune stesso e del CTU. Insomma l'Agraria avrebbe tutte le carte per chiudere la vicenda e salvare i cittadini e loro stessi perchè, oltre la documentazione storica inoppugnabile che già si conosceva, in questi giorni sono state ritrovate  documentazioni processuali determinanti sulla tanto sbandierata sentenza del 1990.  

Abbiamo spedito al Sindaco le oltre 900 adesioni alla richiesta di commissariamento dell'Università Agraria e nelle due settimane di gestione che gli restano il Sindaco invierà la richiesta alle autorità competenti.

La novità di questi giorni è che la sentenza del 1990 ha avuto degli oppositori che l'hanno portata in appello nel 1993, gli Eredi Antonelli. In quella sentenza  del 10 giugno del 1993 si dice espressamente che la sentenza stessa del 1990 riguarda solo le parti che presero parte al processo e quindi , oltre l'Associazione Agraria di Civitavecchia, l'ENEL, la Terni Spa e l'Amministrazione delle Finanze, ma non i cittadini .

Alla luce di tale nuova documentazione è auspicabile che l'Università Agraria provveda, con la massima tempestività, a rivedere la perimetrazione della zona ritenuta demaniale, limitandola ai soli terreni già di proprietà ENEL e TERNI Spa, liberando tutti gli altri, in attesa della sentenza del Commissario sui ricorsi relativi a tali terreni.



Quello che segue  in corsivo è il comunicato del Sindaco sugli esiti della riunione del 7 maggio con l'Agraria e la Regione Lazio. Come si vede in riunione  l'Agraria si è dichiarata disponibile alle due proposte presentate dal Comune. Il giorno seguente invece ( 8 maggio) nell'udienza presso il Commissario agli Usi Civici (eravamo presenti noi del Comitato) l'avvocato dell'Agraria ha continuato nell'azione di ritardare la sentenza chiedendo ulteriori tempi al giudice e si è adoperato nel sostenere le conciliazioni individuali. Quando poi il giudice ha chiesto come era andata la riunione con il Comune l'Avvocato dell'Agraria ha fatto capire che non è facile la soluzione ed ha alzato una barriera di fumo su quanto ha tentato di rappresentare   l'Avvocato del Comune. La sensazione netta è stata che l'Agraria stia soltanto prendendo ancora tempo. Già è stata depositata in Regione Lazio dal Consigliere del M5S e Vicepresidente del Consiglio regionale una mozione per commissariare l'U. Agraria di Civitavecchia  (vedi  http://www.centumcellae.it/politica/porrello-m5s-lazio-usi-civici-depositata-mozione-per-commissaria... ), continuiamo nella lotta.Vi chiediamo perciò di aderire compatti alla richiesta di commissariamento   dell'Agraria per richiedere al Sindaco di mandare alle autorità competenti, tra cui il Commissario agli Usi Civici,  prima delle elezioni, una lettera a nome dei cittadini con una formale richiesta di commissariamento dell'U. Agraria . Vi chiediamo anche, nell'interesse della collettività, di informare e far aderire quante più persone possibili. 

Ieri pomeriggio si è tenuta presso il Comune una riunione fra esponenti del Pincio, esponenti della Regione Lazio ed esponenti dell'Università Agraria di Civitavecchia. E' stato proprio il Commissario agli usi civici, in sede di udienza, a chiedere un incontro risolutore fra i vari enti coinvolti, al fine di addivenire ad una soluzione amministrativa della questione usi civici per evitare che le 1221 osservazioni di cittadini alla perizia dell'Agraria, elevate assieme a quella del Comune, si trasformassero in altrettanti contenziosi che avrebbero allungato ulteriormente i tempi di soluzione del problemi per i cittadini ed intasato il commissariato agli usi civici.
Sono state proposte due soluzioni, la prima, e più veloce per tutti, è che l'Università Agraria perfezioni e riveda la propria perizia sulla base delle documentazioni emerse durante le udienze e a supporto della perizia del Comune. Questa, indicata anche dalla Regione Lazio come strada maestra, porterebbe all'emissione di una nuova determina regionale e quindi ad una veloce risoluzione del problema.
La seconda soluzione, altrettanto valida, ma di sicuro più lunga nella sua attuazione, è la traslazione degli usi civici sull'area della Frasca. Questa possibilità è al vaglio della Regione Lazio, che ne sarebbe attrice principale. Il presidente dell'Università Agraria, durante l'incontro, si è detto disponibile a verificare questa nuova documentazione, (che nuova non è perchè già la conoscono, ma che come ci è stato richiesto reinvieremo), per valutare la possibilità di "completare e perfezionare" la loro perizia.
Devo però riferire che da quanto ci è stato riportato da persone che erano presenti all'udienza di oggi presso il commissariato agli usi civici, l'Agraria nella persona del presidente e del loro avvocato, si sia sostanzialmente rimangiato questa disponibilità, spingendo per le conciliazioni individuali. Spero vivamente di aver capito male perchè questa strada sarebbe lunga da percorrere, dispendiosa per i cittadini e ne trarrebbero vantaggio unicamente l'Università Agraria e gli avvocati. Spero vivamente che l'Università Agraria possa far propria la documentazione che gli stiamo re-inviando, limare e completare la perizia, ed inviarla alla Regione Lazio che si dice pronta ad emettere una nuova determina.
Riteniamo di aver fatto tutto ciò che è in nostro possesso affinchè quella che è diventata una vessazione di Stato nei confronti della cittadinanza venisse cancellata. Ora mi aspetto la conferma dell'effettiva volontà di tutte le parti in causa per arrivare ad una soluzione condivisa ed evitare che una norma a tutela del territorio e del paesaggio si trasformi in un triste espediente per mettere le mani in tasca ai cittadini".





Abbiamo aggiunto la possibilità di fare dei commenti facebook, se volete potete partecipare esprimendo il Vostro punto di vista sull'argomento Usi Civici a Civitavecchia.

L'UNIVERSITA' AGRARIA NON FA GLI INTERESSI DELLA COLLETTIVITA' E PER QUESTO  VA COMMISSARIATA

http://www.civonline.it/articolo/agraria-nel-mirino-del-comitato


SENTITE CHE COSA DICE PERFINO L'ARCHITETTO ROSSI CHE NEL 2013 HA PRODOTTO LA PERIZIA PRECEDENTE A QUELLA MONACI E CHE QUINDI CONOSCE BENE  L'ATTIVITA' DELL'UNIVERSITA' AGRARIA. SENTITE CHE COSA PENSA DELLA GESTIONE ATTUALE DI QUESTO ENTE.

ATTENZIONE LEGGI LE ULTIME NOTIZIE 

 L'UNIVERSITA' AGRARIA COMMENTA CON UN ARTICOLO DI STAMPA LA NOSTRA RIUNIONE DI GIOVEDI' 18 APRILE  CON TERMINI APPARENTEMENTE BONARI E CHE TENDEREBBERO A FARCI APPARIRE DEGLI SCALMANATI CHE SI AGITANO IN MANIERA INCONSULTA CONTRO LA "POVERA" UNIVERSITA' AGRARIA CHE INVECE CERCA DI RISOLVERE "LE COMPLESSE PROBLEMATICHE" E DIRADARE LE OMBRE "CON IL TEMPO", SENZA ALLARMARE I CITTADINI. IN REALTA' QUELLA STESSA UNIVERSITA' AGRARIA NELL'UDIENZA DEL 18 APRILE  HA GIOCATO TUTTE LE SUE CARTE GIURIDICHE  ED E' RIUSCITA A FAR SLITTARE LA SENTENZA A SETTEMBRE   FACENDO DI CERTO NON GLI INTERESSI DEI CITTADINI CHE SONO IN DIFFICOLTA'. DEL RESTO E' BEN NOTO A TUTTI CHE CHI HA TORTO PRENDE TEMPO E QUESTO FA L'UNIVERSITA' AGRARIA QUANDO SULLA STAMPA   DICE CHE RISOLVERA' "CON IL TEMPO" "LE COMPLESSE PROBLEMATICHE" E  POI SI ADOPERA PER FAR SLITTARE LA SENTENZA.


QUESTA E' LA NOSTRA RISPOSTA/comunicati



GUARDA IL VIDEO DEL SINDACO CHE CONFERMA QUANTO SCRIVIAMO SULL'ATTEGGIAMENTO DILATORIO DELL'UNIVERSITA' AGRARIA E SULL'INESISTENZA DEGLI USI CIVICI SUL TERRRITORIO DI CIVITAVECCHIA. L'ARGOMENTO USI CIVICI E' A 5,30 MINUTI DALL'INIZIO DEL VIDEO: 
https://www.facebook.com/sindaco5stellecivitavecchia/videos/852139908465304?sfs=cwwa


Riunione del 18 aprile nella quale abbiamo chiesto il commissariamento dell'Università agraria

asseusicivicijpg


Leggi di seguito la nostra risposta, così come riportata da Tele Radio Civitavecchia, al commento dell'Università Agraria  sulla  riunione del 18 aprile con la quale abbiamo lanciato l'istanza di commissariamento dell'Ente.  

https://trcgiornale.it/usi-civici-il-comitato-ecco--perche-facciamo-guerra-allagraria/

file_5c323c96f05abjpg

 Pubblichiamo inoltre un interessante video di Vittorio Petrelli che su uno spazio autogestito a Tele Radio Civitavecchia commenta con chiarezza  la attuale situazione con i particolari circa gli atteggiamenti dilatori dell'Università  Agraria anche nelle ultime udienze  di aprile 2019.

https://drive.google.com/file/d/1kdu6h-HYYSluLXEpTYfjLRmkNn8RDzbg/view?usp=sharing



PIETRO TIDEI_0jpg


Questa è invece la posizione espressa sull'argomento da Pietro Tidei :
www.terzobinario.it/civitavecchia-tidei-sugli-usi-civici-si-fa-campagna-elettottorale-ecco-perche/14...

 che nell'articolo, dopo una lunga dissertazione,  propone quanto segue:

1 Sarebbe auspicabile che le perizie avanzate da chi non è abilitato (Comune, privati) venissero ritirate.

2 La Regione Lazio provveda ad adottare rapidamente gli atti conseguenziali sulla base della perizia inoltrata dall’Associazione Agraria di Civitavecchia.

3 Per i terreni risultanti gravati (ius in re aliena) o appartenenti al demanio collettivo, attivare le procedure di legittimazione e affrancazione del canone per i primi e per i secondi, attivare il contenzioso e la transazione dinnanzi al Commissariato agli usi civici seguendo la procedura dell’alienazione, concordando in via transattiva il prezzo di cessione.
“Tertium non datur”.
Non c’è una via diversa da questa.
Soltanto ignoranti e demagoghi possono continuare a imbrogliare cittadini inconsapevoli per ottenere qualche consenso elettorale in più.


Ognuno può trarne le conclusioni che ritiene più opportune


Le opposizioni alle nuove verifiche compiute dal perito demaniale Monaci incaricato dalla Università Agraria sono state oltre 1200. Un grazie a tutti i cittadini che hanno difeso la propria casa o il proprio terreno  inviando entro il 28 marzo le  opposizioni alla Regione Lazio e all'Università agraria di Civitavecchia.    Con questa azione siamo tutti divenuti più forti e potremo far valere meglio i nostri diritti. Nel nostro sito trovi la situazione aggiornata su come prosegue il nostro impegno . A tale riguardo ti invitiamo a spendere pochi minuti   per leggere una sintesi dei principali atti e documenti  che dimostrano la inesistenza degli usi civici su tutti i terreni di Tenuta delle Mortelle, che sono la gran parte di quelli che sulla perizia Monaci figurano con demanio collettivo. Questi documenti sono costati mesi di ricerca presso gli archivi da parte di alcuni cittadini capaci e caparbi e li pubblichiamo volentieri a vantaggio di tutta la collettività. Per leggere la sintesi dei documenti clicca sul tasto subito sotto. 

LA SENTENZA  PER I RICORRENTI CONTRO L'INGIUSTA IMPOSIZIONE DI USI CIVICI IN TERRENI LIBERI DA OGNI VINCOLO SAREBBE STATA EMESSA ENTRO IL 10 MAGGIO SE L'UNIVERSITA' AGRARIA NON AVESSE PRESENTATO AL GIUDICE, NELL'UDIENZA DEL 18 APRILE, RICHIESTE DILATORIE PER ALLUNGARE I TEMPI . PER QUESTE RICHIESTE LA SENTENZA SLITTA A SETTEMBRE  . COME AL SOLITO  L'UNIVERSITA' AGRARIA  DICE NEGLI ARTICOLI DI STAMPA CHE FA SCELTE A FAVORE DEI CITTADINI , MA DI FATTO RICORRE, AD ESPEDIENTI LEGALI PER RALLENTARE L'ANDAMENTO DELLA GIUSTIZIA. SOTTOSCRIVI L'ISTANZA DI COMMISSARIAMENTO.

  Nel nostro sito trovi inoltre l'elenco delle particelle  catastali gravate da uso civico secondo la nuova perimetrazione Monaci  dell'Agraria, documenti chiave relativi agli usi civici sul nostro territorio quali la sentenza del 1990, le determine della Regione Lazio  e molto altro .

Leggi l'articolo su TRC giornale che parla dell'udienza del 10 aprile 2019 presso il Commissario agli Usi Civici   https://trcgiornale.it/usi-civici-per-il-perito-del-commissario-non-ci-sono-gravami/ 




IL 20 LUGLIO  IL NOSTRO COMITATO HA  LANCIATO  CON UNA CONFERENZA STAMPA LA PETIZIONE CONTRO L'INGIUSTIZIA DEGLI USI CIVICI NEL CENTRO ABITATO DI CIVITAVECCHIA

Nella conferenza sono state illustrate le motivazioni che hanno spinto il gruppo di cittadini e le Agenzie immobiliari a lanciare una petizione per risolvere le grandi difficoltà che circa 5000 concittadini stanno incontrando per l'ingiustizia degli usi civici nel centro abitato di Civitavecchia. La Petizione, è stato detto dal Comitato, utilizzerà le firme raccolte per fare pressione presso le autorità competenti ed ottenere il  ritiro in autotutela della Determina regionale AO 7844 del 30 settembre 2013. Si riporta di seguito il video dell' intervista ai rappresentanti del comitato spontaneo: 

https://www.youtube.com/watch?v=WLzT2cwnZfw  

  

 Nella stessa data TRC giornale ha scritto l'articolo che è lanciato dalla foto.   

Foto dei rappresentanti del comitato

IN DATA 28 GIUGNO SI E' TENUTO UN CONSIGLIO COMUNALE APERTO SULLA QUESTIONE DEGLI USI CIVICI. IL COMUNE SI E' SCHIERATO DALLA PARTE DEI CITTADINI.

L'aula Pucci era gremita di cittadini  a dimostrare l'interesse che il tema riveste per la cittadinanza, molti gli interventi di esperti e politici e molte le dichiarazioni d'intento. Positivo il fatto che il Comune si sia schierato dalla parte dei ricorrenti per i quali hanno parlato l'avvocato Lettera e Vittorio Petrelli che ha presentato tra l'altro un documento del 1916 che dimostra l'inesistenza degli usi civici, già a quella data, sulle tre tenute Ferrara, XIII Quartucci e bandita delle Mortelle. La riunione si è protratta fino a tarda sera, ma poca è stata la chiarezza delle conclusioni. L'evento è stato riportato da molti quotidiani.  TRC giornale ha scritto l'articolo che segue
https://trcgiornale.it/usi-civici-una-matassa-che-non-si-sbroglia/

civitavecchiadallaltojpg

Il quotidiano telematico "IL FARO" ha messo in evidenza quanto detto dal consigliere  Emanuele La Rosa circa il fatto che il Comune si è schierato a fianco dei cittadini ed effettuerà diverse azioni, a livello soprattutto centrale, di governo,per risolvere la questione usi civici :

 https://www.ilfaroonline.it/2018/06/29/civitavecchia-emanuele-la-rosa-usi-civici-comune-al-fianco-de...


VITTORIO PETRELLI A PROPOSITO DI USI CIVICI E DI SOSTEGNO ALLA PETIZIONE

Si riporta l'articolo pubblicato su TRC giornale ove Petrelli mette in evidenza che " Per volontà del Comitato è ben accetto ogni contributo alla questione che ha penalizzato fortemente la città. Lo stesso scrivente, coinvolto direttamente come gli altri 5.000 concittadini, dà il proprio contributo alla vicenda in termini di esperienza e di fattiva collaborazione e, quindi, sono ben accetti tutti i contributi da qualsiasi direzione provengano, compresa la dichiarazione stessa di Fratelli D’Italia e gli interventi che possano giungere anche da parlamentari della stessa casacca, seppure dubito che possa essere realizzata una legge specifica per Civitavecchia (Ardea docet), specie dopo la recente sentenza in materia della Corte Costituzionale”. Precisa tuttavia che trova " più produttivo ed efficace il coinvolgimento nella causa di quei consiglieri regionali che dovranno esprimersi sulla mozione che ha promosso il consigliere Porrello alla Pisana ed ancor più efficace il coinvolgimento e la partecipazione di alcuni esponenti o simpatizzanti della stessa coalizione che sosterrà il prossimo candidato a sindaco Massimiliano Grasso, per la promozione, all’interno dell’Agraria, essendo essi stessi membri dell’Ente, di un ordine del giorno che vada nella stessa direzione della Petizione ossia del ritiro in autotutela della Determina regionale AO 7844 del 30 settembre 2013"

Di seguito il link all'articolo:
https://trcgiornale.it/petrelli-a-proposito-di-usi-civici-e-di-sostegno-alla-petizione/


                                                     VITTORIOPETRELLIjpg


Il 23 luglio è stata protocollata presso la regione Lazio una mozione per la soluzione del problema usi civici a Civitavecchia  

La mozione, depositata dal consigliere regionale Devid Porrello del Movimento Cinque Stelle, va nella stessa direzione di  quanto richiesto dal nostro Comitato e cioè il ritiro  della determina A07844 del 2013, che ha dato attuazione dopo 23 anni ad una sentenza del 1990, ormai decaduta.   

Di seguito gli articoli di TRC giornale e di Civonline:

https://trcgiornale.it/usi-civici-mozione-di-porrello-in-regione/

http://www.civonline.it/articolo/usi-civici-porrello-presenta-un-mozione-regione


A BREVE ULTERIORI NOTIZIE IN AGGIORNAMENTO  10/04/2019